Mervyn Kersh 03-1944

L'ufficiale comandante del 17 AOD, il colonnello Gore, un giorno riunì gli 800 di noi e ci disse che dieci ufficiali e uomini erano stati scelti per il primo gruppo di ricognizione, atterrando il D-Day. Dovevano essere uno di ogni grado con se stesso incluso. L'unico privato era un cuoco. Il mio ufficiale superiore e amico era tra questi. Abbiamo ascoltato le notizie via radio dei primi sbarchi del D-Day e abbiamo fatto le valigie ed eravamo pronti per partire entro un'ora. Nell'evento, una miniera ha colpito l'avanzata di 10 uomini e nove sono stati tutti uccisi mentre sotto i ponti. Solo il colonnello Gore, che era sul ponte, sopravvisse e fu prelevato e riportato in Gran Bretagna dove ci chiese volontari per la prossima ondata di sbarco. Voleva 40 uomini. Dovevano essere i primi soldati del Corpo delle Ordinanze a sbarcare in Normandia.

La perdita di questi ufficiali significava che sia l'Ufficio Amministrativo Generale che l'Ufficio Tecnico erano "senza guida" e Jack Cotter si occupava dell'uno mentre io mi occupavo dell'altro. Abbiamo ancora vinto la guerra. Ho imparato due grandi lezioni fondamentali nella vita: mai fare volontariato e essere sempre cauti. Il primo che ho imparato all'inizio della mia vita militare, l'altro molto più tardi nella vita civile. Tuttavia, sono sempre orgoglioso di ricordare che sono stato il primo a fare un passo avanti quel giorno. Come fervente agitatore per un secondo fronte a ovest e come ebreo non avevo davvero scelta. Mentre viaggiavamo in convoglio fino a Gosport, le strade erano libere ma i bordi delle strade erano pieni di gente che chiamava benedizioni e auguri come "Buona fortuna". In alcuni punti erano completamente silenziosi. È stato tutto molto commovente per noi, incluso il non sapere cosa sarebbe successo quando saremmo atterrati. Non avevamo idea di cosa fosse già successo in Normandia. Ero orgoglioso di far parte del BLA, l'Esercito di liberazione britannico, una scelta di nome molto stimolante, ma in seguito essere cambiato in Esercito britannico del Reno (BAOR).

Arrivammo a Gosport e parcheggiammo nelle strade laterali dove le casalinghe ci versavano da bere. Eravamo in razioni di zuppa di carne e verdure in lattina seguite da pesche in scatola e tè. La zuppa non riuscivo a toccare, non essendo kosher, ma mi piacevano le pesche e ignoravo il tè.

Poco prima di lasciare Billingshurst, il nostro Capitano dovette andare a Londra per raccogliere alcuni documenti segreti. Andò in motocicletta ma si fermò stupidamente sulla via del ritorno in un bar per pranzo, lasciando la valigetta con i documenti nella borsa della bici - e la bicicletta fu rubata. Fu accusato e tenuto sotto stretto arresto, essendo sempre sotto scorta armata in attesa di corte marziale. Non ha attraversato con noi.

Mervyn Kersh adesso

Fu sostituito da un ufficiale di fanteria di nome Capt. Baldwin che non sapeva nulla del nostro lavoro. Ha detto che avrebbe lasciato tutto sul lato tecnico per me. A Gosport notò presto che non stavo mangiando la zuppa e mi mandò nel suo quartier generale che era il retro di un camion. Rimasi lì mentre parlava di avermi accusato di rendermi intenzionalmente inadatto al servizio attivo all'estero. Ho trascorso un'ora in piedi davanti a lui spiegando le leggi di Kashrut e alla fine l'ho convinto del mio zelo di far parte del Secondo Fronte. Ciò ha risolto la questione e non sono stato accusato dopo tutto. Non l'ho mai più visto.

Abbiamo ricevuto un po 'di soldi per "occupazione" e cartoline da postare all'arrivo in Francia per dire che eravamo al sicuro. Ci hanno anche dato le nostre razioni di emergenza che erano principalmente cioccolato bianco e un po 'di Tommy Stove e si abbinavano a una specie di disco al fosforo per riscaldare il cibo nelle nostre scatole di pasticcio. Avevamo anche una scatola di zuppa che si riscaldava da sola: un'innovazione che mi aspettavo di prendere dopo la guerra, ma non ho mai più sentito parlare di quell'idea. Ci hanno dato una copia del discorso pep di Eisenhower e poi il messaggio ispiratore di Montgomery e hanno funzionato - per me, comunque.

Con impazienza, osservavo l'imbarcazione da sbarco e le altre navi nel porto in attesa del loro turno di navigare. Quella notte è stata la nostra volta e siamo saliti a bordo come indicato dalla Marina. Finalmente facevamo parte della storia.

Eravamo direttamente sotto il quartier generale della 2a armata ma servivamo principalmente della 50a divisione delle Highland di 30 corpi. Un po 'di tempo prima avevamo cucito con orgoglio i nostri flash sulle spalle della 2a armata. Montgomery era il nostro capo diretto e avevamo completa fiducia in lui e nelle sue capacità.

A causa del rinvio di 24 ore del D-Day a causa del tempo burrascoso, stavamo aspettando a Gosport dormendo ovunque potevamo dentro o sotto i nostri camion. Alla fine abbiamo ricevuto, con trepidazione, la notizia che finalmente ci saremmo trovati per unirci all'offensiva sul Secondo Fronte tedesco.

Ci siamo imbarcati di notte e abbiamo dormito - se potessimo - ovunque avremmo potuto trovare uno spazio con tutta l'attrezzatura e i fucili in mano: ("Il migliore amico di un soldato", ci avevano detto spesso). Dopo il tragico incidente dei nostri stessi uomini prima di noi, ho deciso di dormire sul ponte sotto le stelle. All'alba abbiamo visto che c'erano barche e navi fino all'orizzonte, quasi affollate insieme. Mentre tutti facevamo un bersaglio facile, ci coprivamo anche l'un l'altro e sapevamo che da qualche parte c'erano aerei che sorvegliavano su di noi e sottomarini nel mare che cercavano il nemico. Enormi navi navali erano anche visibili in lontananza

Ci sono volute 14 ore per attraversare e uno dei marinai mi ha detto che eravamo un po 'alla deriva verso ovest. Ciononostante abbiamo raggiunto la spiaggia della Normandia, che era in codice Gold Beach. Era l'estremità occidentale della linea britannica accanto agli americani a Omaha Beach. Avevano sofferto enormi perdite non riuscendo ad andare oltre la spiaggia per un terreno più sicuro, ma gli inglesi avevano ripulito le scogliere e quando sono atterrato abbiamo dovuto semplicemente risalire la rampa di accesso alla cima. Avevo avuto la fortuna di arrivare mentre i tedeschi si stavano riprendendo dal primo assalto e prima che si fossero ripresi a riunirsi.

Mi sono assicurato di essere in un portatore di Bren-Gun che avevamo impermeabilizzato prima di lasciare l'Inghilterra. Siamo atterrati vicino alla spiaggia e abbiamo guidato attraverso acque poco profonde e su per la sabbia senza che mi bagnassi i piedi. In cima alla rampa della scogliera, a Port-en-Bessin, gli abitanti del villaggio ci applaudirono e ci offrirono bicchieri di vino e fiori mentre avanzavamo lentamente. Ci sono stati cecchini (tedeschi o francesi) che ci hanno sparato da diverse direzioni, quindi ho tenuto la testa bassa e ho rifiutato il vino eventualmente avvelenato.

port en bessin pipeline
 
Pipeline a Port-en-Bessin

Jack Cotter e io lasciammo il principale gruppo di ricognizione per trovare una sistemazione adatta per i nostri autisti mentre cercavamo una sistemazione adatta per ufficio e trovammo un delizioso castello. Abbiamo dovuto aspettare che gli ingegneri reali perquisissero l'edificio e i suoi annessi alla ricerca di trappole esplosive: ne erano state trovate molte altre in pianoforti e sedili di gabinetti e penne apparentemente innocue e simili. Era stato il quartier generale della 21a divisione SS Panzer e almeno mi sono assicurato una mappa tedesca dettagliata.

Proprio come ci fu dato il chiaro, un generale di brigata arrivò sulla scena e dichiarò la sua intenzione di comandare il castello come quartier generale del suo battaglione di fanteria. Ho sottolineato, con tutto il rispetto, che era già stato preso per il nostro destino, ma lui era un brigadiere e io ero un privato e quindi ha vinto. Dopo aver perso alcune ore in quel modo, eravamo piuttosto in ritardo per prendere qualcos'altro adatto nella zona e quella notte dovevamo dormire sotto il nostro camion. Il giorno seguente abbiamo sezionato alcuni campi che avevano profondi fossati e fatto una "casa" per noi stessi fiancheggiata da teloni. Quando arrivarono gli altri, dovettero accettare ciò che avevamo per il momento, che durò parecchi giorni.

Non abbiamo mai visto un aereo tedesco durante il giorno, ma di notte si imbatterono in bombardamenti e mitragliatrici, ma ogni notte diminuiva. A quel punto il fronte era a circa dodici miglia nell'entroterra e Bayeux fu liberato.

Man mano che diventavamo più organizzati, apprendemmo che ci sarebbe stato un servizio ebraico a Bayeux per Rosh Hashanah e tutto il personale ebraico che poteva essere risparmiato poteva partecipare. Mi sono 'risparmiato' e ho camminato attraverso la campagna in una profonda polvere bianca che aveva seguito il fango grigio profondo durante le piogge. Ho superato molti cavalli e bovini morti, uccisi nei combattimenti.

Dopo qualche chilometro mi trovavo nell'enorme sala dove stava iniziando il servizio. Fu preso dal rabbino cappellano ebreo anziano Dr. Louis Rabinowitz, che condusse un servizio breve e molto commovente e fornì un indirizzo eccellente e attuale. Nel mezzo fu interrotto da un trambusto alla porta. Si è scoperto che erano arrivati ​​un paio di civili che si erano nascosti per anni fino a quando hanno appreso con incredulità che si stava svolgendo un servizio ebraico e che c'erano così tanti militari ebrei alleati principalmente dalla Gran Bretagna, dagli Stati Uniti e dal Canada. Parlavano in yiddish e questo fu tradotto in centinaia di militari dei vari paesi alleati. Hanno ricevuto un'enorme esultanza e siamo stati tutti molto sopraffatti. Molti soldati hanno incontrato vecchi amici da casa e si è creata una tremenda atmosfera.

I servizi militari ebraici erano raramente più di un'ora e al punto senza ripetizione o Chazanut. Stavano ispirando: un chiaro messaggio per i servizi civili che era completamente perso dopo la guerra. Quando ottenevo l'esenzione dai servizi della Chiesa, di solito mi occupavo delle faccende di cucina - spud-bashing - per lo stesso periodo.

Presto siamo andati avanti mentre la linea si induriva. La fanteria e altre unità hanno inviato uomini per raccogliere vari veicoli e siamo stati in grado di fornirli. Quando il Mulberry Harbour fu assemblato e messo in atto per consentire alle navi di scaricare senza tender, arrivarono altri veicoli e Jack Cotter rimase sulla spiaggia vedendoli lì prima di inviarmeli dai nostri 200 conducenti. Ho dovuto iniziare a prenotarli e prenotarli in varie unità, organizzare posti auto e riordinare. I nostri autisti me li hanno portati dalla costa.

I nostri autisti erano molto poco intellettuali il cui vocabolario era limitato a pochissime parole e le loro conversazioni erano anche molto limitate a un paio di argomenti. Avevo davvero poco a che fare con nessuno di loro se non quello che era assolutamente necessario.

È stato durante questo periodo che ho iniziato a guidare. Non avevo la licenza civile o nemmeno quella dell'esercito, ma presto imparai sul lavoro. Ad un certo punto, per un paio di settimane, sono stato distaccato in un'unità REME in cui i veicoli venivano riparati, al fine di istituire un sistema di controllo poiché il turno di andata era molto lento. Principalmente ho registrato veicoli in entrata e in uscita ogni giorno, il che li ha incoraggiati ad accelerare il loro lavoro. Ho trovato un'auto del personale che aveva solo una luce spenta, e mi sono esercitata in giro per la campagna dentro e fuori i cancelli, ecc ... Mi sono poi laureata in camion a due piani, camion e jeep! È stato incostante, ma non ho mai colpito niente !! Se ho rovinato qualche cambio o colpito qualcosa, era il posto giusto dove stare. Ma non l'ho fatto.

Fu anche durante questo tempo di attesa e di preparazione alla fuga dalla Normandia che un giorno ero in guardia in un campo vuoto in Francia. Vuoto, cioè, tranne una pistola di artiglieria che avrei dovuto proteggere. Faceva molto caldo e mi sono rilassato mettendo giù il mio fucile e me stesso per prendere il sole. All'improvviso un motociclista si avvicinò a me quando a quel punto avevo raccolto il mio ingegno e il mio fucile, ma troppo tardi. Mi è stato chiesto cosa avrei dovuto fare e ho spiegato in quattro parole stupite: a guardia di questa pistola, signore. Rispose che non avrei potuto essere molto efficace senza il mio fucile pronto a cui non avevo altra scelta che essere d'accordo.

Mi ero già reso conto che l'ufficiale in bicicletta indossava un berretto con due stemmi e aveva una sciarpa che gli volava dal collo. Quello potrebbe essere solo Field Marshall Montgomery ma senza alcun seguito.
Mi salutò in modo informale, aggiungendo "Carry on, soldier" e partì da qualche parte. Non ne ho più sentito parlare, ma non potrei dirlo a nessuno in quel momento. Quello è stato il mio unico incontro con Monty.  

Prima dello scoppio della spiaggia della Normandia il 18 agosto, abbiamo assistito al bombardamento americano di Caen ed è stato come una forte pioggia. Nulla poteva o è sopravvissuto a un simile attacco generale. Sfortunatamente uccise anche le truppe alleate (che in seguito saranno descritte come "fuoco amico"). Ha chiuso il divario di Falaise che ha catturato un gran numero di truppe tedesche e ha aperto la strada al resto della Francia - e alla Germania.

Essendo solo pochi chilometri dietro il fronte in qualsiasi momento, abbiamo spesso sentito il rombo dell'artiglieria e il grumo di bombe. Non potremmo mai essere sicuri di chi fosse alla fine, ma speravamo solo che fossero i tedeschi. Un tempo in Francia, avevamo appena scavato un buco quadrato di dieci piedi profondo circa tre piedi su cui la tela doveva essere eretta per un po 'come la nostra casa. Ricevemmo il segnale che una truppa di carri armati tedeschi di tigre si avvicinava a circa dieci miglia di distanza. Abbiamo impacchettato le nostre attrezzature e le cose personali molto rapidamente e siamo saliti sui nostri veicoli per un rapido ritiro ("ritiro") verso ovest. I carri armati avevano una nuova armatura che era impermeabile a tutto ciò che gli alleati avevano come proiettili: rimbalzarono via. I nostri fucili erano meno che inutili! Le Tigri furono distrutte prima che raggiungessero la nostra "casa", ma solo dai razzi che erano la prima volta che la RAF ne aveva usato una. Rilievo tutto intorno.

Essendo una società automobilistica, viaggiavo sempre su un veicolo e accumulavo il possesso personale che ero in grado di portare con me. Ho anche realizzato una struttura del letto in legno e l'ho "balzata" con cinghie incrociate coperte da una palliasse di paglia. Ciò è andato con me fino a quando ho perso la mia unità. Ho anche accumulato libri da casa e da organizzazioni sioniste e ho iniziato a studiare l'ebraico e persino l'esperanto attraverso corsi di corrispondenza. Le mie frequenti mosse presto lo resero impossibile.

L'esercito fornì ufficiali del Corpo di istruzione che avrebbero dovuto spiegare eventi politici e scopi di guerra. Quelli che ho sentito erano senza speranza e mi infastidivano costantemente con i loro riferimenti a "l'altra parte" o "Gerry" quando si riferivano alle persone più malvagie e pericolose di tutti i tempi. Poco stimolante. Così ho preso il controllo - non ufficiale ovviamente - e ho prodotto una grande mappa su una tavola dei fronti occidentale e orientale e con spille e spago colorati, e ho segnato le mutevoli fortune dei fronti di guerra. Ho dato ai seguaci, i commenti su ciò che stava accadendo e l'importanza di quegli eventi come li vedevo, militarmente e politicamente. Il mio seguito è cresciuto, quindi devo essere stato migliore delle sessioni volontarie di attualità degli educatori ufficiali. Credo di aver instillato la comprensione che eravamo coinvolti in più di un gioco tra due parti. In seguito ho appreso che ero stato registrato come un "agitatore politico" per i miei dolori, ma potrei anche aver accelerato la fine della guerra !.

Nel frattempo, seguendo XXX Corps, ci siamo trasferiti attraverso Caen a Lisieux e poi in uno Chateau ad Amiens prima di andare a Calais, il primo porto di valore nelle nostre mani. Lì ho condotto convogli fino a Blankenburg usando una jeep nei mesi caldi di agosto e settembre. Il mio compito era di garantire che i veicoli mantenessero la distanza necessaria tra loro (in caso di attacco aereo nemico) e non rimanessero indietro. Tutti dovevano viaggiare alla velocità del veicolo più lento. Che mi è davvero piaciuto; correndo su e giù per la colonna di 20-30 veicoli.

Ho anche incontrato una ragazza locale che lavorava al Casinò di Blankenburg - che era diventata la mensa NAFFI - con cui ho trascorso un po 'di tempo e avevo solo la sua foto e il suo nome e che viveva vicino a un campo d'aviazione, quando dovevo andare avanti. Più tardi, quando sono tornato in zona, ho cercato di trovarla mostrando la foto alla gente del posto e finalmente qualcuno la conosceva. Ma ormai la fiamma si era spenta. Arrivederci Madeleine Vershleist.

A Liseux, avevo incontrato una ragazza in una danza locale messa in onore dei liberatori, ma sebbene la vedessi spesso mentre eravamo lì, sua madre non era mai più di cinque metri dietro di noi. La madre, che indossava sempre una sciarpa nera e un copricapo, una volta mi chiese se le mie intenzioni erano onorevoli e dovevo dire che sarei tornato in Gran Bretagna al termine della guerra. Questo ha chiuso quella storia d'amore.

Fu ad Amiens che un'insegnante anziana mi fece amicizia e mi invitò a cenare con lei la settimana successiva. Ho accettato ma temuto il cibo. Le avevo detto che ero vegetariano, ma quando sono arrivato, aveva ottenuto un pollo al mercato nero per me, senza dubbio a costi considerevoli, ed era imbarazzante spiegare e insistere sul fatto che avrei preferito un uovo sodo. Mi disse che la RAF aveva bombardato con precisione un muro della prigione delle SS nella città in modo che i prigionieri politici potessero scappare. Gli inglesi si rifiutarono di intraprendere tale azione nei campi di concentramento o nelle ferrovie che rifornivano loro di ebrei.

In ogni luogo le mie conversazioni erano in francese. Io e un amico di Liverpool andavamo nelle fattorie della Normandia a comprare uova e latte che cucinavo sulla minuscola stufa di emergenza che portavamo. Questi sono diventati la mia dieta principale insieme al porridge, patate bollite, pane e cacao dalla cucina mobile. Ho anche ricevuto pacchi alimentari da mia madre. Abbiamo sempre trascorso ore a parlare con gli abitanti del villaggio per praticare il nostro francese. Fuori servizio, parlavamo anche solo il francese e sebbene non avessimo nessuno per controllare la nostra grammatica e il nostro vocabolario, siamo diventati abbastanza abili. Ho trovato una fabbrica abbandonata di Camembert con un'enorme quantità di formaggio immagazzinato. Sfortunatamente era andato tutto a male e quindi ho dovuto seppellire il lotto che mi ero assicurato.

In Francia, una volta, mentre facevo la guardia a un enorme mucchio di taniche di benzina da 50 galloni, fui avvicinato da un francese che voleva comprare un po 'di benzina da me per la sua auto - la benzina era rigorosamente razionata per i civili - e gli dissi di ritorna più tardi. Nel frattempo ho messo l'acqua in una lattina vuota e l'ho venduta. Non ho mai scoperto fino a che punto ha guidato con l'acqua il suo carro armato. Avevamo bisogno della benzina per lo sforzo bellico, anche se ho sentito di altri soldati che avevano effettivamente venduto benzina al mercato nero ai francesi. Mio cognato, Jack, era un marinaio mercantile e rischiò (e quasi perse) la vita per portare benzina attraverso l'Atlantico per lo sforzo bellico. Non avevo intenzione di sprecarlo per uso civile.

A Calais, Jack e io trovammo una casa di mattoni e per un po 'ci trovammo a nostro agio in una stanza condivisa. Ha visto lo scarico di veicoli dai moli e ho accompagnato convogli fino a Blankenburg nella mia jeep. Non stava parlando in senso stretto, la mia jeep, ma la jeep del mio maggiore Lee, che presi in prestito senza disturbarlo. È successo che ne aveva improvvisamente bisogno mentre io ero a miglia di distanza e così l'ha scoperto. Mi ha rimproverato e ha sottolineato che non avevo nemmeno la patente. Ma dopo mi ha lasciato usarlo spesso, a condizione che prima lo chiedessi.

Più tardi, a Blankenburg, camminavo sul lungomare in maniche di camicia nonostante il freddo. Devo essere stato molto in forma in quei giorni.

Siamo passati dopo un po '. Dalla Francia abbiamo attraversato il Belgio fino a Boom, vicino ad Anversa, che era un porto chiave ed eravamo in un college e usavamo i suoi terreni per il nostro enorme parco di veicoli.

Mi sono offerto volontario come sostituto dell'ultimo minuto per un autista malato, per prendere parte al mio primo convoglio per guidare un camion da 3 tonnellate. Pioveva a dirotto e mentre attraversavamo Charleroi, mi voltai troppo velocemente e sbandai sul marciapiede e riuscii a controllare il veicolo lungo il marciapiede tra i negozi e i lampioni prima di rimetterci in marcia. Avevo a bordo un DUKW (un veicolo anfibio usato per trasportare merci e personale direttamente dalla nave verso i centri di terra costiera e ora, per attraversare i fiumi), che non era legato saldamente e si era mosso mentre mi voltavo per farmi perdere il controllo sulla strada bagnata. Quando avevo recuperato sia me stesso sia il veicolo, il convoglio era svanito e, dato che l'avevo raggiunto solo all'ultimo momento, non avevo idea di dove fossero diretti. Non avevo altra scelta che tornare alla base in ignominy!

In precedenza avevo approfittato dell'occasione per gareggiare con altre persone su corrieri cingolati e provare a sintonizzarmi sul cerchio più piccolo. Ciò mi ha portato a lasciare una traccia. Odiavo le auto blindate e i carri armati che mi davano la claustrofobia poiché non c'era quasi spazio per muovere le gambe solo con una specie di spazio della metropolitana.
All'altro estremo, come non guidatore, adoravo guidare i grandi trasportatori di carri armati Diamond-T con serbatoio a 48 ruote intorno al parco veicoli e sperimentare camion semi-articolati in retromarcia. L'uso della parola "camion" è stato vietato per conformarsi al "camion" americano. Allo stesso modo, i camion ferroviari dovevano essere chiamati "carri". 
Fu ad Anversa che vidi per la prima volta due ebrei col cappello nero e li fermai. Hanno avuto una storia simile di nascondersi in una stanza per quattro anni fino alla liberazione. I non ebrei li nascondevano e condividevano le loro magre razioni con i due. Mentre parlavano un po 'di inglese, sono stato in grado di spiegare cosa stava succedendo nel mondo e in Belgio, in particolare, che li ha rilassati. La conversazione era limitata a causa del mio non parlare yiddish ma ci siamo gelati lo stesso. Abbracciare parlava più forte delle parole L'idea di soldati ebrei negli eserciti alleati li stupì, proprio come rimasi stupito quando vidi in seguito i primi soldati della Brigata ebraica, con i loro bagliori sulle spalle di Magen David, che marciavano in Olanda.

Mentre stavo tornando da 48 ore di ferie a Bruxelles, abbiamo saputo del contrattacco tedesco chiamato Battaglia del Bulge. I tedeschi gettarono tutto ciò che avevano ancora nel tentativo di spingere un cuneo tra gli americani a sud e gli inglesi a nord. Speravano di catturare Anversa e di negarci le sue strutture portuali. Alcuni tedeschi, almeno, indossavano uniformi britanniche o americane per confondere gli Alleati e, a Natale, mentre gli americani festeggiavano (ubriachi) e alla sprovvista, sfondarono i carri armati. Percorsero una ventina di miglia prima che gli Alleati si rendessero conto di ciò che era accaduto e si riorganizzarono sotto Montgomery. Furono fermati e, di fatto, rimasero senza benzina per i loro carri armati. Circondati e tagliati, i tedeschi si arrendevano dappertutto e, al mio ritorno sulla costa, videro una jeep britannica con un solo autista che aveva raccolto circa otto tedeschi che, sebbene ancora armati, erano suoi prigionieri.

Quando lasciammo Boom, la prima Buzz Bomb (razzo V1) fu lanciata dai tedeschi e ci passò sopra. Non avevamo idea di cosa fosse finché non abbiamo saputo che altri erano sbarcati nel Kent. Anche il nostro collegio era stato colpito dal nemico. Siamo partiti appena in tempo.

Successivamente ci siamo fermati per un po 'in Olanda a Nimega, vicino alla frontiera tedesca. Vivevamo in un'antica casa di vecchiaia costruita nel 1939, che era stata spogliata di tutte le opere in legno, porte e telai per legna da ardere. I canadesi francesi erano lì da un po 'di tempo e si erano divertiti sparando in aria e in generale terrorizzando la popolazione locale. Per circa una settimana ho pedalato fino all'antica frontiera e mi è piaciuta l'idea di una Germania sconfitta poco più avanti. Un avviso ci avvertiva che ci stavamo avvicinando al territorio nemico. Una sensazione meravigliosa! Questo idillio fu quando gli Alleati si raggrupparono e rifornirono nuovamente per la spinta nella Germania stessa.

Quando siamo arrivati ​​e abbiamo assunto la casa di vecchiaia come una volta, abbiamo dovuto pulire le pareti che i canadesi avevano usato come servizi igienici. La gente del posto ci teneva alla larga da noi credendo che anche noi fossimo selvaggi ubriachi. A questo punto, Kesselring cedette l'Italia agli Alleati e pensammo che la guerra fosse finita. Gli olandesi non hanno rischiato e si sono tenuti alla larga dalla nostra vista. Ma la guerra continuò mentre gli Alleati attraversavano il Reno in Germania, il cuore del Male.

Durante i miei viaggi attraverso Francia, Belgio e Olanda ho incontrato molti civili che ci hanno raccontato della vita sotto l'occupazione tedesca. I tedeschi cercarono inizialmente di corteggiare il popolo fiammingo e gli olandesi, come fratelli nordici, mentre i francesi erano considerati nemici. Quella politica non fu senza successo poiché si formarono unità di volontariato fiammingo per combattere al fianco dei tedeschi almeno sul fronte sovietico dove le perdite tedesche furono enormi. Si formarono anche divisioni spagnole, ungheresi e rumene per aiutare i tedeschi a mantenere il loro dominio bestiale in Europa. Quando abbiamo parlato di liberazione dei popoli francese, belga e olandese, è esattamente quello che abbiamo fatto. I nostri funzionari dell'amministrazione civile hanno contribuito a ripristinare la vita civile ed economica nelle città e nei villaggi e poi sono partiti per trattare con i propri traditori. Presto fummo considerati amici anziché solo conquistatori diversi.

A questo punto, dovevo andare in un ospedale militare per un'infezione all'orecchio per alcuni giorni, ma durante quel periodo la mia unità si trasferì ad Amburgo e rimasi indietro. Ho anche perso tutti i miei beni personali, anche se mesi dopo la maggior parte sono stati inviati a casa mia. Invece di ricongiungermi, fui inviato il 21 aprile 1945 a Celle, vicino ad Hannover, in una ex caserma delle SS, in attesa di essere raccolto. L'unità di supporto ha aiutato e dato da mangiare alle ragazze polacche che erano state schiave dei tedeschi nelle miniere di sale locali.

Ero stato mandato a Celle (vicino a Belsen) per aspettare un'unità anti-gas che mi prendesse e mi portasse con loro a Berlino per smaltire l'arsenale di gas velenoso della Germania nel Mar Baltico. Ma non sono riusciti a prendermi. Non sapevano dove fossi e non sapevo quale unità avrebbe dovuto venirmi a prendere. Sono andati a Berlino senza di me. Non vedevo l'ora di andare a Berlino come vincitore.

E anche per incontrare l'Armata Rossa.

Ho trascorso la maggior parte del mio tempo di attesa con ex detenuti di Bergen-Belsen alla stazione ferroviaria di Hannover, dove centinaia di sopravvissuti ebrei si stavano radunando dal campo di concentramento di Belsen nella speranza di ascoltare o addirittura incontrare un parente o un amico sopravvissuto al dominio tedesco. Ho raccolto cibo, principalmente cioccolato, che ho scambiato con la mia razione di sigarette (come facevo di solito) e ho raccolto ancora più donazioni in cioccolato. Questi li ho portati alla stazione per dare. In seguito ho scoperto che il cioccolato era probabilmente il cibo peggiore da dare alle persone affamate!

Ho parlato con molti di loro in un misto di inglese, francese e un po 'di yiddish o tedesco. Erano tutti determinati ad andare a Eretz (Terra di) Israele dove avrebbero ricostruito lo Stato ebraico e avrebbero controllato il proprio destino. Solo un uomo che ho incontrato ha detto che voleva andare in Sud America e diventare cattolico in modo che i suoi futuri figli e nipoti non sarebbero stati perseguitati come lui.

In Inghilterra, un'importante ebrea disse alla stampa e a una commissione d'inchiesta che gli ebrei sopravvissuti volevano tornare nel loro paese di origine. Ho scoperto che la verità era che nessun ebreo voleva tornare in Polonia, Francia, Germania o in qualsiasi altro paese d'Europa. Erano ebrei e volevano vivere in uno stato ebraico. Aveva ovviamente paura che la sua "lealtà" nei confronti della Gran Bretagna sarebbe stata esaminata se avesse ammesso che gli ebrei erano una nazione e non solo una religione; nemmeno la sua versione molto debole di quella religione.

Avevo una piccola bandiera sionista con risvolto di metallo (che in seguito divenne la bandiera ufficiale dello Stato di Israele) che indossavo sempre con orgoglio e che non passava inosservata ai tedeschi o alle loro vittime.

Inoltre, ho incontrato molti soldati tedeschi arruffati "sciolti" (perduti le loro unità) come avevo fatto in ogni paese e prigionieri che si stavano dirigendo verso i campi di prigionia. La Master Race sembrava molto diversa dai cinegiornali di loro che facevano il passo d'oca in tutta Europa. Mi è piaciuto molto dire loro che ero ebreo e direi "Ich bin eine Jude" che significa "Sono un ebreo" che sembrava scuotere la loro convinzione che gli ebrei non hanno mai combattuto ed erano codardi. Risposero tutti che amavano gli ebrei, gli inglesi, gli americani e odiavano i russi, e potrei immaginarli dire esattamente il contrario quando catturati sul fronte sovietico.

Sono stato anche avvicinato dai tedeschi che hanno offerto le loro "sorelle" in cambio di sigarette o cioccolato, ma a parte la mia repulsione per i tedeschi in generale, e le implicazioni morali in particolare, non mi fidavo della mia vita nella casa di un tedesco. Ho rifiutato ogni volta. Tuttavia, ci fu un tempo in cui stavo camminando lungo una strada tranquilla con altri due soldati britannici che conoscevo appena, quando abbiamo visto due ragazze tedesche e hanno deciso di violentarle. Rimasi sbalordito per un momento e poi mi ritrovai a combattere i miei compagni per conto di una sconosciuta ragazza tedesca. Li ho combattuti abbastanza a lungo perché le ragazze scappassero e poi ho affrontato l'ira dei miei compagni che hanno ceduto a una conferenza sulle relazioni internazionali.

Nel frattempo il mio vecchio CO, il colonnello, ora brigadiere, Gore, aveva chiesto all'Ufficio di Guerra di rimandarmi al suo comando per prepararmi ad essere il primo deposito di ordigni avanzati a sbarcare in Giappone. Avere quell'onore in Normandia era stato meraviglioso, ma in Giappone ...? Ma non mi è stato chiesto il mio parere! Ha "offerto volontariato" per me per mio conto!

Durante il mio servizio oltremare tutta la posta era soggetta a censura locale a caso e di nuovo soggetta a controlli casuali alla base. Quando sono tornato a casa mi sono reso conto che ognuno dei miei era stato aperto e letto dal censore alla base. Li avevo numerati e avevo chiesto a mio padre di tenerli per me come una specie di diario. Non li ho ancora letti perché la mia ingenuità allora mi ha imbarazzato quando ho aperto il primo e mi ha fermato nei miei brani. Questo per quanto riguarda "casuale".

Mi è stato dato un mandato di treno e mi sono lasciato alle spalle Celle e Belsen. Ho viaggiato su un treno sigillato con i finestrini sbarrati e oscurati, per 30 ore senza sosta all'Unità di detenzione per rinforzo di Bruges e durante quel periodo la carrozza era il mio intero mondo. Era molto lontano dai tempi in cui ero giornalista non ufficiale per la mia compagnia per tenerli al passo con le notizie del mondo e il movimento delle linee dei fronti. Una sorta di commissario politico.

Fu solo quando ci fermammo il 9 maggio a Bruges che appresi che la guerra era finita, almeno in Europa. Avevo perso il VE-Day. Il Reich di 1,000 anni era crollato dopo 12 anni di caos in Europa, causando la morte di circa 30 milioni di persone e sfollando molti altri milioni.

Da Bruges sono tornato in Gran Bretagna con il traghetto e sono andato all'unità di contenimento di rinforzo del bicester. Mentre ero lì, sono stato selezionato per rappresentare le forze ebraico-britanniche, una volta ai funerali del rabbino capo Hertz e di nuovo a un corso di leadership morale. Il funerale fu a St. Johns Wood e quella fu la prima volta che vidi sette Hassidic, almeno nella loro Europa dell'est, 18th insegne del secolo.

Il Corso di Leadership morale era sotto l'egida delle Forze ma ognuna era gestita dalla propria religione. Ho partecipato a quello ebraico tenuto a Londra - ed ero di stanza a casa! Ha riguardato la storia, le organizzazioni, le istituzioni e l'etica ebraica.

Nella mia classe c'era Sir Keith Joseph, in seguito consigliere senior di Margaret Thatcher quando era Primo Ministro. Sembrava fortemente anti-sionista e dirompente e gli fu chiesto di lasciare la classe dal cappellano Rabbi Brodie (che in seguito sarebbe stato il rabbino capo). Ho ancora una foto di tutta la classe.


Fu durante la mia preparazione in Inghilterra per l'invasione del Giappone che i giapponesi vennero a conoscenza del mio arrivo imminente e si arresero nell'agosto del 1945. Ciò mi lasciò - e l'Ufficio della Guerra - in perdita, così mi diressero verso l'Egitto nel marzo del 1946. Come la guerra era finita, non mi dispiaceva un po 'di esplorazione a spese del paese, dove, con le pause per le foglie ufficiali e non ufficiali in Israele, ho trascorso il resto della mia carriera militare.

Mervyn S. Kersh

14628122

17 Transit Vehicle Park, 17 Advanced Ordnance Depot, RAOC, 2nd Esercito, 21st Gruppo dell'esercito, BLA.

100 Ashurst Road

adottivi di galli

Hertfordshire

EN4 9LG

Regno Unito

020 8449 1333

Benvenuto da usare, ma solo con l'accreditamento e avvisandomi con una copia di tutto ciò che è stato utilizzato.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti pubblicati qui

Lasciate i vostri commenti

  1. Pubblicare un commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Puoi mettere qui il tuo commento per i social media