Il volo

percorso di volo finale b24 mirns  MAPPA Patch di volo finale Friesland Mirns Spazio aereo B 24 42 7554 Blocco evidenziato pagina 0

  MAPPA Mirns Cemetery Crash Site of B 24 42 7554 mappa crash location skectch 003

Messaggero del Patrimonio

Herald Heritage 1990 

 

Rapporto E&E (interrogatorio di Bevins sulla sua fuga): EE 2946

Commemorazione dell'11-12 novembre 2015:

La storia di Jaap Halma

Il modo in cui mi sono imbattuto in questa storia è in qualche modo curioso. Mi chiamo Jaap Halma. Vivo a Joure, una cittadina nella provincia della Frisia, nella parte settentrionale dei Paesi Bassi. Sono membro di una società locale di storici dilettanti collegati al museo locale. Pubblichiamo un periodico tre volte all'anno con fatti storici del nostro Comune.

Quando siamo giunti alla 25a edizione, abbiamo deciso di comporre un libro sugli eventi della seconda guerra mondiale nella nostra regione. Sono stato uno degli editori. Durante il processo, sono diventato particolarmente interessato allo schianto del B-24 americano "Las Vegas Avenger" del 306th Bomb Group vicino a Joure e alle conseguenze di quello che chiamiamo l '"inverno della fame del 1944".

La carestia olandese del 1944, nota come Hongerwinter ("inverno della fame") in olandese, fu una carestia che ebbe luogo nella parte dei Paesi Bassi occupata dai tedeschi, specialmente nelle province occidentali densamente popolate durante l'inverno 1944-1945, verso la fine della seconda guerra mondiale. Un blocco tedesco ha interrotto le spedizioni di cibo e carburante dalle aree agricole per punire gli olandesi per la loro riluttanza ad aiutare lo sforzo bellico nazista. Circa 4.5 milioni sono stati colpiti e sono sopravvissuti a causa delle mense per i poveri. Circa 22,000 morirono a causa della carestia. I più vulnerabili secondo i rapporti di morte erano gli uomini anziani.

A quel tempo, gli alleati già liberarono la parte meridionale dei Paesi Bassi, sebbene le parti centrali e settentrionali fossero ancora occupate dai tedeschi. Durante questo inverno molto rigido, decine di migliaia di bambini delle grandi città del centro, come Amsterdam, sono stati accolti da famiglie nella parte settentrionale perché nelle grandi città non c'era quasi cibo e migliaia di persone morirono di fame. L'anno scorso ho cercato di riunire gli ex sfollati con quelle famiglie. Durante una delle interviste, un uomo mi ha raccontato dell'incidente a cui aveva assistito da ragazzo di un attentatore americano nel cimitero di Mirns. La storia mi ha reso molto curioso. Avevo fatto delle ricerche interessanti sul destino dei membri dell'equipaggio sopravvissuti del "Las Vegas Avenger" del 306th Bomb Group, e ho anche trovato dei parenti dell'equipaggio che potevo raccontare cosa era successo ai loro cari. Sembrava che sapessero poco di questo evento e fossero molto grati di saperne di più. Ho quindi deciso di fare lo stesso per "Tail End Charlie".

Questo è quello che ho trovato:

Il 4 novembre 1943, il 445 ° gruppo di bombardamenti (pesante) partì dalla base aerea dell'esercito di Sioux City, Iowa, attraversò l'Oceano Atlantico e si fermò sull'aerodromo di Tibenham nella contea inglese di Norfolk, situata sulla costa orientale dell'Inghilterra. Il gruppo era composto dai 700, 701, 702 e 703 squadroni. Curioso da sapere: all'arrivo a Tibenham il famoso attore cinematografico James Stewart ha recitato come comandante del 703esimo squadrone; ha volato 10 missioni con lo squadrone prima di trasferirsi nel 453 ° Gruppo Bomba. (Fred Vogels: vedi la storia di James Stewart qui)

Jimmy Stewart

Sono entrati in combattimento il 13 dicembre attaccando le installazioni di sottomarini a Kiel. Il 22 dicembre il Gruppo ha iniziato la sua quarta missione e 4 liberatori sono partiti per bombardare un centro di comunicazioni a Osnabrück, nel nord della Germania. 28 aeroplani hanno raggiunto il loro obiettivo e hanno sganciato le bombe. Era brutto tempo quel giorno, pioggia e nuvole basse limitavano notevolmente la visibilità. Il bombardamento su Osnabrück è avvenuto tra le 24:2. e intorno alle 00:3. la maggior parte degli aerei stava tornando a casa.

Purtroppo, due aerei non sarebbero tornati ed entrambi si schiantarono nella parte sud-occidentale della provincia della Frisia, nel nord dei Paesi Bassi. Dei 20 membri dell'equipaggio, solo tre sarebbero sopravvissuti. I combattenti tedeschi Me-110 abbatterono il primo Liberatore, nessun numero di identificazione noto, dal 701 ° squadrone; la nave fu gravemente danneggiata con bombe ancora a bordo. Il pilota ha tentato di effettuare un atterraggio forzato con l'aereo in fiamme e ha colpito il terreno appena fuori la periferia della città di Bolsward. L'intero equipaggio morì tra le fiamme e in seguito le bombe rimaste iniziarono a esplodere.

L'equipaggio fu sepolto nella sezione protestante del cimitero della chiesa con una grande folla di abitanti di Bolsward che partecipavano, sfidando l'occupazione tedesca e onorando gli eroi. La città di Bolsward ha donato un complotto funebre, cofanetti e fiori. Anche il secondo Liberatore della zona, chiamato “Tail End Charlie” numero 42-7445 del 700 ° squadrone, stava combattendo per rimanere nella formazione protettrice dei bombardieri.

Il suo equipaggio era composto da:

  • Allen, John Harold, pilota, 1 ° tenente, da Dallas.
  • Bevins, Erwin J., copilota, secondo tenente
  • Destro, Anthony Louis, bombardiere, secondo tenente, di Miami.
  • Anziano, John R., cannoniere con torretta a sfera, T. Sgt.
  • Gill, Joseph F., navigatore, 2 ° tenente, da New York.
  • Henry, Harry L., cannoniere, sergente, di Filadelfia.
  • Pavelko, Joseph John, artigliere del ventre, T. Sgt., Di Filadelfia.
  • Odom, Everett M., cannoniere di coda, S. Sgt.
  • Owens, James C., cannoniere in vita, T.Sgt.
  • Robbins, Oscar, operatore radio, T. Sgt.

Le bombe erano state consegnate. Tuttavia, sulla strada di casa un razzo tedesco colpì un motore e danneggiò la carrozzeria in modo tale che le porte non potevano essere aperte e le comunicazioni all'interno dell'aereo non erano più possibili. A motore spento, la nave non riuscì a tenere il passo con la formazione e divenne uno sbandato. I combattenti tedeschi trovarono la loro facile preda nell'area tra le città di Bolsward e Workum e ci andarono.

Cosa sia successo esattamente, non lo sappiamo. Mentre volavano sopra la città di Bakhuizen, Erwin Bevins, copilota e Harry Henry, cannoniere, abortirono l'aereo, che proseguì in direzione del lago IJsselmeer e discese sotto le nuvole. L'aereo ha fatto una virata di 180 gradi e si è nuovamente avvicinato alla costa, probabilmente per evitare di atterrare sull'acqua e prendere il vento da est. In questo momento, anche il sergente John Elder lascia l'aereo. Il suo paracadute si apre, ma con i forti venti orientali, torna alla deriva al lago e annega nell'acqua gelida.

A quanto pare, è intenzione del pilota John Allen di far atterrare l'aereo sui campi pianeggianti tra la riva del lago e la frazione di Mirns. Deve aver avuto una vista molto scarsa a causa del maltempo perché la zona pianeggiante è abbastanza piccola per fare un atterraggio forzato con un aereo di queste dimensioni. Forse la situazione dell'aereo lo ha costretto anche a fare questa scelta impossibile, o il fatto che a bordo c'erano persone gravemente ferite che avevano bisogno di cure mediche e non sarebbero sopravvissute a un lancio con il paracadute. Non lo sapremo mai. 

foto sotto: Il campo dell'atterraggio forzato. A sinistra il campanile bianco del cimitero. L'aereo è andato dal punto di vista del fotografo in direzione di il campanile. A destra la fattoria Tjalma.

fattoria tjalma 1

 

 

 

 

 

 

foto sotto: lo stesso campo ma dalla direzione opposta. A destra l'azienda agricola Albada; le baracche tedesche del posto di osservazione erano situate vicino agli alberi sullo sfondo a sinistra. La riva del lago si trova a circa 150 metri dietro la fattoria.

fattoria tjalma 2

Sebbene l'aereo sia troppo basso per saltare, anche il tenente Joseph Gill coglie l'occasione per abortire. Forse a causa dell'altezza insufficiente non aspetta tre secondi per aprire il suo scivolo, viene preso dalla coda dell'aereo e Gill viene trascinato dall'aereo fino a toccare terra. L'aereo, che ora vola molto basso, passa tra la caserma tedesca e la fattoria Albada. 

Il cimitero si trova su una bassa collina, digradante verso il lago. L'aereo che brucia selvaggiamente evita a malapena l'atterraggio in acqua e colpisce il pendio con il naso, girandosi completamente e schiantandosi tra gli alberi del cimitero. Successivamente, colpisce il campanile e varie lapidi, spara attraverso gli alberi dall'altro lato del cimitero, attraversa una strada e infine si ferma in un piccolo bosco sull'altro lato della strada. Tutti e sei i membri dell'equipaggio rimasti periscono a causa dell'incidente. L'aereo è stato distrutto con non più di piccoli brandelli rimasti. Le ruote di atterraggio sono state trovate in un campo a circa 400 iarde dal luogo dell'incidente.

L'incidente ha causato confusione nel piccolo borgo di Mirns. I soldati tedeschi della caserma di osservazione vicino alla riva erano lì in breve tempo, insieme al personale della Luftwaffe di un campo vicino. Chiusero il cimitero, allontanarono le persone e lasciarono i corpi dell'equipaggio dove erano scesi. Questo era un ordine permanente di Heinrich Himmler, il capo della polizia tedesca, con l'intenzione di mettere in mostra il danno che l'esercito tedesco poteva infliggere agli Alleati.

Tuttavia, è successo un miracolo. Il tenente Gill si è rotto la mascella, ed era incosciente ma ancora vivo! I tedeschi lo hanno lasciato lì senza cure mediche. Agli abitanti di Mirns non è stato permesso di entrare nel cimitero, ad eccezione di padre Schellaerts della parrocchia cattolica romana di Bakhuizen e John Keulen. Quest'ultimo conosceva bene i tedeschi, ma era solo una farsa. Era attivo nella metropolitana olandese così come padre Schellaerts. Joseph Gill sarebbe sopravvissuto ma, sfortunatamente, non potevano fare nulla per gli altri.

Il 24 dicembre, i corpi di John Allen, Anthony Destro, Joseph Pavelko, Everett Odom, James Owens e Oscar Robbins furono sepolti nel cimitero cattolico romano di Bakhuizen. Il corpo di John Elder è stato trovato sulla riva il giorno dopo l'incidente ed è stato sepolto anche lì.

Ma cosa è successo ai membri dell'equipaggio che hanno abortito l'aereo?

Harry Henry sbarcò in una zona boscosa vicino a un hotel nel villaggio di Rijs e fu portato in hotel. La sua gamba era ferita, per fortuna non male, ma non sapeva dove fosse caduta Erwin Bevins. La sua gamba è stata ispezionata da un medico e trovata in ordine. Quando vennero portati abiti civili, si cambiò in loro e gli fu detto di rimanere in albergo e poi nascondersi nei boschi fino a quando era buio.

hotel jans

Ma la fortuna lo ha lasciato. I tedeschi vennero a sapere dove si trovava e fu arrestato. Henry ha avuto la fortuna di poter indossare di nuovo la sua uniforme, quindi considerato come un normale prigioniero di guerra e non come un membro attivo della metropolitana. Fu trasportato per la prima volta in un campo di transito tedesco per prigionieri di guerra dove fu interrogato. Henry fu successivamente trasferito in altri campi vicino a Francoforte e Wetzlar, ma sopravvisse e tornò sano e salvo negli Stati Uniti dopo la guerra.

Nel frattempo, un altro olandese aveva trovato Bevins e lo aveva nascosto nel bosco. Durante la notte, è stato portato in un luogo sicuro perché i tedeschi sapevano che due uomini si erano paracadutati dall'aereo. Sebbene ne avessero arrestato uno, stavano ancora cercando l'altro. Il giorno successivo Bevins è stato trasportato in una falsa ambulanza gestita da membri della metropolitana dalla città di Leeuwarden e si è nascosto in quella città. Vi è rimasto per qualche tempo, ma è stato rintracciato anche a Laren, un piccolo villaggio dell'Olanda orientale.

Esiste una sua foto con la famiglia olandese con cui è rimasto. Non si sa perché sia ​​andato lì, forse per essere più vicino agli eserciti alleati. Bevins rimase nascosto per il resto della guerra e non fu mai catturato dai tedeschi. Probabilmente fu liberato lì dall'esercito canadese nell'aprile del 1945. Anche Joseph Gill divenne prigioniero, ma all'inizio non gli fu permesso di ricevere cure mediche. Un collega prigioniero, un dentista greco, in seguito si curò la mascella nel campo di prigionia e tornò a casa in sicurezza dopo la guerra. Ho anche intervistato due figli della famiglia Bruinsma, che a quel tempo vivevano a circa 100 metri dal cimitero di Mirns.

I figli Hendrik e Berend, allora di circa 8-10 anni, erano sulla riva del lago IJsselmeer quel pomeriggio per raccogliere legna da ardere per la stufa di casa. Stavano tornando a casa passando per il cimitero quando la loro madre sentì il Liberatore arrivare molto piano. A causa delle nuvole basse, non potevano vedere l'aereo. La madre li ha chiamati per entrare subito in casa. Poi hanno visto l'aereo cadere in fiamme sul cimitero alle 3:02, a soli 100 metri da casa loro.

Bruinsma

Foto a sinistra: i due figli della famiglia Bruinsma, Berend e Hendrik all'età di 8-10 anni. (La campana è stata contrassegnata in olandese per indicare 'belltower Mirns, Friesland.')

In quello stesso momento tre uomini, Gerrit Tjalma, Frans van der Werf e suo figlio Fimme, stavano raccogliendo legna sul lato orientale della strada tra il cimitero e la fattoria Tjalma con due cavalli e un carro. Sono stati tutti feriti bruciando cherosene. Uno dei cavalli è stato ferito così gravemente dal relitto che ha dovuto essere ucciso. Molte finestre sono state rotte nella casa Bruinsma e tutte le finestre nella fattoria Tjalma. Anche un'altra casa nelle vicinanze è stata danneggiata.

Nello stesso bosco in cui la maggior parte del relitto si posò, Hendrik Bruinsma in seguito trovò il disco di identificazione di John Allen di cui la madre annotò i dati su un foglio di carta ancora in possesso della famiglia: “John H. Allen 0465407 T-430. Jetta Allen 5434 Goodwin Ave. Dallas, Texas G. " In seguito ha consegnato il tag, a chi è sconosciuto. Il figlio maggiore, Ids, che aveva 14 anni, era in visita da suo padre in quel momento.

 

fattoria tjalma 3

Foto: Nel bosco a sinistra Hendrik Bruinsma ha trovato il disco di identificazione di John Allen. I tre uomini che raccoglievano la legna erano lì quando l'aereo è atterrato. A destra la fattoria Tjalma. Nel campo dietro l'albero, a circa 400 metri di distanza, sono state trovate ruote di atterraggio. Due uomini, che cercavano di recuperare le ruote, furono colpiti dai tedeschi da qui. Sono fuggiti.

Suo padre lavorava come bracciante agricolo nella fattoria Draaier lungo la costa a circa un miglio a sud-ovest da casa loro. Sentirono distintamente la battaglia aerea e videro una grande palla di fuoco che scendeva attraverso le nuvole. Avevano paura che la loro casa fosse stata colpita e tornarono a casa in bicicletta il più velocemente possibile. Erano molto felici che non ci fossero vittime nella loro famiglia e che la loro casa non avesse subito gravi danni.

I tedeschi, dal posto di osservazione, erano molto veloci. Un sergente austriaco di nome Hans era al comando fino all'arrivo di altri tedeschi del vicino accampamento di Sondel. Padre Bruinsma tentò di entrare nel cimitero ma fu respinto dai tedeschi. Secondo Ids, il giorno dopo l'incidente una ragazza di nome Siemke Keuning, osservò dalla finestra della sua camera da letto nella fattoria di Albada qualcosa di strano sulla riva del lago. Avvertì suo padre che andò a dare un'occhiata e trovò il corpo di John Elder. Dopo la guerra, i corpi di John Allen, Anthony Destro, John Elder, Joseph Pavelko, Everett Odom, James Owens e Oscar Robbins furono trasferiti nel Cimitero militare americano di Margraten, nel sud dei Paesi Bassi.

Ancora più tardi la maggior parte di loro è stata risuscitata negli Stati Uniti. John Allen riposa nel cimitero militare americano di Neuville-en-Condroz in Belgio; Joseph Pavelko riposa ancora a Margraten.

Il 30 agosto 1950, i resti di Anthony Destro furono riesumati e il suo corpo fu nuovamente sepolto in un luogo di sepoltura di gruppo presso il cimitero nazionale di Memphis. Era un americano di prima generazione. Entrambi i suoi genitori provenivano dalla Sicilia. È stato il primo della sua famiglia a nascere in questo paese. Gli italo-americani erano uno dei più grandi gruppi etnici a prestare servizio nell'esercito statunitense durante la seconda guerra mondiale. Molti dei cugini di Anthony erano anche di prima generazione che prestarono servizio militare durante la guerra. È stato un grande piacere per me scrivere questo articolo in onore delle persone che hanno dato la vita per la nostra libertà.

Spero che colmerà alcune lacune nel ricordo dei parenti di questi eroi. Se sei interessato a questa storia, non esitare a contrarmi. .

Jaap Halma

Fred Vogels: Grazie a Jaap Halma e Anthony Destro II per questa storia

La posizione e ulteriori informazioni su questo volo: Clicca qui

Prima o dopo la liberazione?

bici bevins

 

 Erwin J.Bevins sulla bicicletta di una signora olandese, da qualche parte nei Paesi Bassi nel 1944 o 1945. È questo il sorriso di un evaso ribelle, travestito per ingannare gli occupanti tedeschi e che rischia la morte a se stesso e a coloro che lo aiutano? O è il sorriso di un americano liberato che ha deciso di "diventare nativo" per un periodo dopo la guerra? Fotografo sconosciuto; dalla collezione di Jan Braakman, autore di "The War in the Corner".

(Note di Jaap Halma su questa foto: Jan Lefeber ha inviato una bella foto di 2nd Il tenente Erwin J. Bevins, copilota di un B-24 colpito sopra i Paesi Bassi il 22 dicembrend 1943. L'aereo si schianta vicino a Bakhuizen, nella provincia della Frisia, nella parte settentrionale dei Paesi Bassi. Le biciclette sono ancora il principale mezzo di trasporto in bassa

paese, anche se durante la guerra per molte persone era l'unico modo per arrivare in un altro posto. Molti olandesi usavano la bicicletta per trasportare cibo dall'est del paese all'ovest durante l'ultimo inverno di guerra, quando la fame era alta a causa della scarsità di cibo. Bevins si arenò nel 1943. Un operaio sotterraneo frisone, di nome Rense Talsma, lo raccolse. Uno dei tanti indirizzi che Bevins frequentava come onderduiker, era la fattoria di Albert e Hanna Koeslag nel villaggio di Laren. Si è recato a Laren in treno, secondo il suo racconto. Ha avuto cibo e riparo nei mesi di luglio e agosto. Alla fattoria di Koeslag, Bevins era con altri 7 evasori, ha detto Bevins al Servizio militare e di intelligence degli Stati Uniti (MIS) dopo la guerra. Ricordava anche che Koeslag (che aveva scritto erroneamente come Kooslag) aveva undici o dodici figli. Da Laren si trasferì al villaggio di Nijverdal, dove rimase fino all'arrivo dei liberatori canadesi nell'aprile 1945. Secondo le note che fece per il MIS, fu curato per l'appendicite da praticanti locali. Poi si è trasferito con il tenente Ted Weaver e 30 civili olandesi in un castello, dove il 2nd La Divisione canadese ha preso lui ei suoi compagni. Il 9 aprileth alla fine fu "rilasciato" per tornare al suo reggimento. A quel tempo potrebbe essere stato un tempo record suderduiker. Per quasi un anno e mezzo si era nascosto con l'underground olandese.)

 Coraggio estremo documentato

Foto sotto: Famiglia di Albert Jan e Hanna Koeslag (2nd riga, 2nd e 3rd da destra), fotografata nel 1944. Contadini vicino alla città di Laren, nell'Olanda orientale, offrirono a Bevins (a destra, ultima fila) un nascondiglio dopo aver soggiornato a Leeuwarden.

Albert Jan fu arrestato dai tedeschi nel novembre 1944 ma sopravvisse alla guerra. —Foto via Gerald Martin, dalla collezione di Jan Braakman; fotografo sconosciuto.

coccolare

 

Campanile di Mirns

Foto in basso: il campanile ricorda alla gente di Mirn l'attentatore americano che il 22 dicembre 1943 fece un atterraggio di emergenza qui e distrusse il campanile nel cimitero, e i sette membri dell'equipaggio che morirono qui.

campanile

 

Tomba di John R.Elder

Foto sotto: sepoltura John R. Cimitero del Memorial Park Heavener Contea di Le Flore Oklahoma, Stati Uniti

tomba dell'anziano

 

Commenti (1)

Questo commento è stato fatto dal moderatore sul sito

Caro Jaap,

Bel documento sulla storia della guerra di Mirns!

Ma posso aggiungere qualcosa sulla pietra che è stata al cimitero per anni...

I miei genitori hanno comprato una casa sul Mirnserdijk nel '68.
Abbiamo sentito attraverso il...

Caro Jaap,

Bel documento sulla storia della guerra di Mirns!

Ma posso aggiungere qualcosa sulla pietra che è stata al cimitero per anni...

I miei genitori hanno comprato una casa sul Mirnserdijk nel '68.
Via via abbiamo sentito che ci deve essere ancora un macigno nel terreno di quella casa che è stato sollevato da quel bombardiere.
La storia raccontava che l'attentatore sganciò una o più bombe per perdere peso.
Una di quelle bombe è atterrata nel campo dietro Mirnserdijk 2 e un masso è volato fuori dal terreno ed è rimasto sul bordo del cratere.
Quella pietra fu poi respinta nel cratere e sepolta di nuovo.

Da adolescenti, io e mio fratello abbiamo trovato questo molto interessante e abbiamo morso una lunga barra di rinforzo presso l'appaltatore locale.
Con questo abbiamo iniziato a frugare nel terreno e alla fine abbiamo trovato il masso nel retro del giardino.
L'abbiamo scavato con alcuni amici e l'acciaieria locale ha messo la pietra sul posto con un camion con gru.

Dobbiamo ancora avere le diapositive dello scavo e nostro padre ha realizzato un video super8 del posizionamento.
Dovremo inventarci una storia ancora una volta...

Sai cosa è successo con quella bomba?
La rotta del volo di ritorno è nuova per me, ho sempre pensato che stessero cercando di raggiungere l'IJsselmeer, ma a quanto pare sono tornati indietro.
Coscienti o erano ingovernabili?

Cordiali saluti,
Hans Japing

Vedi tutto
CH Japing
Non ci sono ancora commenti pubblicati qui

Lasciate i vostri commenti

  1. Pubblicare un commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Puoi mettere qui il tuo commento per i social media