Consegnando i miei timpani (leggi la storia qui) con la Royal Concertgebouw Orchestra con il timpanista Nick Woud ha avuto più conseguenze. Il programma di quella sera comprendeva due opere di Richard Strauss. Tod und Verklärung e Till Eulenspiegel. L'RCO guidato da Andris Nelsons (che non mi sembrava adatto, spesso si aggrappava al fondo del palco) ha comunque suonato un bellissimo concerto.

Dopo molti anni di assenza dalla sala da concerto, è stata una bella esperienza per me rinfrescarmi di nuovo le orecchie, ricalibrare come suona una vera orchestra e sentire come suonano le opere di Strauss e Wagner in una delle sale più belle del mondo. . 

Tod und Verklärung in particolare si è bloccato. Per vari motivi. 

Prima di tutto, la musica stessa. Un periodo in cui ha scritto diverse poesie sinfoniche, ma di cui Tod und Verklärung si distingue per il suo argomento. Una traduzione musicale di una agonia che alla fine perde tutti. E questo per un ragazzo di 25 anni! Ciò che è notevole è il fatto che sul suo letto di morte - circa 60 anni dopo - Strauss dichiarò a sua nuora che la sua morte era lo stesso processo che aveva composto a Tod und Verklärung.

Qualcosa sulla musica: il lavoro che viene suonato consecutivamente consiste di quattro parti. Adesso racconto la storia a modo mio. Puoi leggere la partitura e le mie indicazioni di cosa parla la musica. Un'interpretazione personale. Inizialmente era inteso come uno scherzo del 1 aprile, ma la mia storia e la mia interpretazione sono decisamente pensate per essere serie.

spiegazione

Tod und Verklärung di Richard Strauss fu completato il 18 novembre 1889. Scritto in un periodo in cui Strauss scrisse diversi poemi sinfonici, ma Tod und Verklärung si distingue per il suo argomento: Vita e Aldilà. 

È una traduzione musicale dell'agonia che tutti alla fine perdono. Ma descrive anche cosa succede dopo. Dopo la morte. Una domanda che da secoli preoccupa tutte le religioni del mondo, ma non sono mai state in grado di dare una risposta definitiva che colpisca immediatamente il cuore, il che è credibile. Perché puoi sentirlo e sperimentarlo. Come persona vivente.

Ma Richard Strauss poteva. E questo per un ragazzo di 25 anni! Secondo me, Strauss è una Bernadette Soubirous che dà speranza alle persone. Se ascolti la musica allora ... beh, ascolta tu stesso. 

Richard Strauss è l'unico - per quanto ne so - che è riuscito a plasmare musicalmente il processo di morte e cosa succede dopo. Ci sono molti monumenti musicali, come le Passioni di Bach, che esprimono la sofferenza e la morte di Cristo. Un'anteprima del paradiso. Ma questa composizione di Strauss batte tutto. Mai eguagliato. 

Particolare è il fatto che Strauss dichiarò sul letto di morte - circa 60 anni dopo, nel settembre 1949 - a sua nuora che la sua morte era lo stesso processo con cui l'aveva composta all'epoca a Tod und Verklärung. Una persona può scrivere una tale composizione solo in uno stato di completa ispirazione. Ispirazione con una lettera maiuscola. 

Ho passato diversi giorni / settimane a ricreare tutte le note attraverso il mio programma musicale. Nota per nota. Quindi quello che senti nella mia versione non è una vera orchestra, non un vero direttore d'orchestra che batte il ritmo, nessuna interpretazione preconfezionata o copiata della partitura in termini di tempo, dinamica e così via. Tutto è stato fatto da zero e ho letteralmente aderito alla partitura di Strauss. Mentre lo sento, lo sento e lo vivo. Un'interpretazione personale della partitura come se fossi un direttore d'orchestra. Tutti i membri dell'orchestra fanno esattamente quello che chiedo loro. Pagina per pagina. Ovviamente un computer ha molte limitazioni. Anche solo facendo musica insieme ...

Non esiste una descrizione di questo lavoro come di seguito. Sì, ci sono alcune sciocchezze musicologiche. In cui vengono mostrate le note, come se la notazione della partitura potesse rivelare il segreto della sua musica. No. Devi ascoltare. Di volta in volta. Aprendoti alle melodie e alle ammonie di Strauss. Nessun bla bla teorica, ma lascia che la musica faccia il suo lavoro. Lo spartito è lì solo per eseguire la musica. Non per spiegare la musica. Strauss lo farà. Alla fine l'ha ottenuto anche dall'Alto. In regalo a tutti noi.

Puoi seguire la partitura che ho usato per eseguire la musica nel video di accompagnamento.

Ha usato 32 voci diverse. L'opera è scritta per 3 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti in si bemolle, clarinetto basso in si bemolle, 2 fagotti, controfagotto, 4 corni in fa, 3 trombe in fa e do, 3 tromboni, tuba (strumento), timpani, tam-tam, 2 arpe e 4 gruppi di archi.

Senza entrare nei dettagli (questi sono più che espressi nel film stesso, sincronizzati con la musica), ecco una classificazione delle scene:  

Secondo il libretto:

I. Largo (Il malato, morente) 

II. Allegro molto agitato (La lotta tra la vita e la morte, che non gli dà tregua)

III. Meno mosso (La sua vita passa l'uomo morente)

IV. Moderato (La transizione a lungo cercata)

Penso:

00:00 Il letto del malato

05:45 L'arrivo della morte e dell'agonia

09:55 Rinvio della morte, riflessione sulla vita, lasciarsi andare

12:28 L'agonia sta davvero per iniziare ora 

13:32 La morte lo prepara per ciò che deve venire

14:15 L'ultimo grido come distacco umano e fisico 

14:36 ​​L'inizio della trasformazione con un primo sguardo alla Luce

15:27 Fai pace con se stesso e con la vita che ha condotto, dopodiché inizia il viaggio verso la Luce

16:21 Arrendersi alla luce

16:57 La morte inizia

18:12 Il corpo (processi autonomi come cervello, cuore e polmoni) resiste per l'ultima volta

18:46 Corpo e mente sono permanentemente separati

18:49 L'Illuminazione, inizia la Trasformazione, il corpo spirituale viene preparato per il suo nuovo compito. Un processo incredibilmente bello

22:08 La Trasformazione è pronta, la gloria dell'Illuminazione può essere sperimentata in tutte le dimensioni 

24:02 Arriva il momento più bello, il Divino si manifesta

24:16 L'Anima sale sempre più in alto

24:30 L'anima è di nuovo a casa

25:30 la Trasformazione è completa, la morte vinta

 

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti pubblicati qui

Lasciate i vostri commenti

  1. Pubblicare un commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Puoi mettere qui il tuo commento per i social media